App, smartphone, tablet Android

 


Google acquisisce Motorola Mobility: è ufficiale

Posted 15 agosto 2011 by gbon in Google

Larry Page ha pubblicato oggi nel blog ufficiale di Google l’annuncio dell’acquisizione di Motorola


Larry Page, patron di Google, ha annunciato ufficialmente nel blog ufficiale di Google di avere completato l’acquisizione di Motorola. Si tratta di una notizia che irrompe nella calma ferragoana  /da noi, in moltissimi altri paesi oggi si lavora e le ferie estive sono finite da un pezzo),

Motorola ha fatto la storia della telefonia mobile, settore in cui è stato per anni leader incontrastato, soprattutto all’epoca delle reti TACS e delle prime reti GSM. Dopo i successi iniziali è cominciato un periodo di crisi, da cui stava lentamente e progressivamente uscendo, anche grazie alla decisione del 2008 di adottare Android come unico sistema operativo per i propri dispositivi.

.
L’acquisizione di Motorola per Google non ha tanto un significato industriale, quanto piuttosto di acquisizione di brevetti. Motorola, infatti, continuerà ad avere vita autonoma e a pagare le licenze Android come tutti gli altri produttori di smartphone e tablet. Google potrà invece acquisire i brevetti attualmente in mano a Motorola, e competere in modo migliore con Apple e Microsoft in quella che sembra ormai diventata non tanto una disputa tecnologica, ma una battaglia legale fra avvocati amanti dei cavilli. Il tutto a beneficio della ulteriore crescita di Android. Sarebbe però interessante sapere cosa pensano di questa acquisizione nei quartieri generali di LG, HTC, Acer e altri importanti produttori di dispositivi Android.

Nel comunicare l’acquisizione, Larry Page utilizza per tre volte il verbo supercharge per definire l’impatto che questa acquisizione avrà su Android. Non cita invece il prezzo, che dovrebbe attestarsi sui 12,5 miliardi di dollari. Quanto un pezzo della manovra finanziaria di questi giorni del governo italiano.

 

Fonte


About the Author

gbon

Gbon è appassionato di tecnologia, ormai da parecchio tempo. Il suo primo PC è stato un Vic 20, e poi, a seguire, tanti altri. Il primo device mobile invece è stato un Palm m505, l'ultimo un tablet Android. Ha conoscenze di programmazione in linguaggi ormai morti (chi si ricorda di GW Basic o Turbo Pascal?); attualmente programma per iPhone e Android.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi